bordo alto

MACCHININE AD ENERGIA EOLICA

Un'attività interessante svolta con una classe quinta nel 2007/2008. Oltre al bel percorso interdisciplinare (matematica, scienze, tecnologia...) che ne è scaturito, devo dire che ci siamo divertiti parecchio! :-)

I bambini per prima cosa hanno progettato le loro macchinine, sulla base dei materiali di recupero a disposizione (scatole di alimenti di diverso genere, tappi di plastica e di sughero, pongo, stecchini da spiedino, cannucce, rocchetti vuoti, ecc.) e la cosegna di sfruttare la forza dell'aria che usciva da palloncini. Tantissimo entusiasmo, atmosfera di gioco, esperienze concrete... Cose a cui, alla primaria si tende sempre, spesso intralciati da troppi vincoli...

Ecco i progetti che ne sono nati
progetti-gif
Il secondo step è stato quello di costruire, progetti alla mano, le macchinine e quindi di testarne il funzionamento. Qui l'entusiasmo in certi casi è andato in crisi, scontrandosi con la dura realtà: non tutti i progetti erano davvero fattibili, alcune macchinine erano state progettate con troppa attenzione all'estetica e poca alla funzionalità... le ruote non potevano girare, la carrozzeria era troppo pesante o poco aereodinamica, la propulsione non dava effetti per via della posizione errata... Molti errori in fase di ideazione, molte riflessioni, altrettanti incoraggiamenti... e tutte le conseguenti modifiche in itinere del caso.
La costruzione delle macchinine...
costruzione
 
gli assi
scuderia
una
due
tre

...e i test (Passa il mouse qui sotto e clicca sul pulsante play per vedere un brevissimo clip)

Infine, la gara!
...Con tabulazione dei dati relativi alle singole velocità (cronometrate), alle distanze percorse, ai pesi delle macchinine registrati in precedenza ecc.... tutti dati sui cui riflettere in seguito per la valutazione degli esiti e la discussione collettiva.
Dopo la discussione e la proclamazione del vincitore, la redazione del relativo articolo per il giornalino telematico di Circolo... che se volete potete leggere qui: SEGNALI DI FUMO articolo n°2 del 21/11/2007